fbpx

Scegliere un lavoro con l’obiettivo di costruire il proprio futuro non è così facile. Se in passato l’orientamento al lavoro avveniva in maniera spontanea e inconsapevole, senza una figura di supporto nella ricerca di un impiego, ad oggi le cose sono radicalmente cambiate, grazie alla presenza del Career Coaching.

Si tratta di una tipologia d’intervento a favore dei percorsi professionali individuali con l’obiettivo di rendere le persone in grado di individuare in maniera autonoma un proprio progetto lavorativo.

Chi è il Career Coach o consulente di carriera

Il career coach è una figura che offre assistenza e consulenza sulla carriera alle persone che ne hanno bisogno. Nello specifico, le persone vengono aiutate a definire, ridefinire e raggiungere i loro obiettivi professionali.

Attraverso un percorso di career coaching, è possibile ricevere consigli sull’attuale situazione lavorativa, nonché migliorare le proprie capacità comunicative, di relazione interpersonale, di leadership, gestione dello stress e risoluzione dei conflitti.

Il career coach si rivela particolarmente utile all’interno di un contesto organizzativo, soprattutto per la formazione e lo sviluppo del personale, le transizioni di ruolo e le questioni relative all’occupazione.

 

Ma cosa significa esattamente svolgere un’attività di career coaching? Ecco alcune delle mansioni svolte da un consulente di carriera:

  • Intervistare i clienti per estrapolare informazioni relativamente alla loro storia lavorativa e scolastica;
  • Individuare i punti di forza e di debolezza;
  • Assegnare test per identificare interessi, attitudini ed abilità;
  • Considerare le opportunità di carriera attraverso informazioni sul mercato del lavoro;
  • Fornire strumenti mirati per mantenere un lavoro;
  • Ottimizzare efficienza e redditività;
  • Aiutare i clienti nella ricerca del lavoro;
  • Suggerire miglioramenti su curriculum vitae e lettere di presentazione;
  • Proporre seminari e/o webinars.

Ottime doti comunicative, saper esprimere interesse per i pensieri, le opinioni e il background dei clienti, capacità di intuizione e gestione del tempo e abilità nella risoluzione di problemi e conflitti sono i requisiti basilari per chi ha voglia di cimentarsi nel settore del career coaching.

Considerando, invece, i vantaggi che si possono trarre da un percorso di career coaching, non possiamo trascurare i seguenti benefici:

  • Chiarezza: sapere cosa si vuole significa compiere il primo step per dirigersi al meglio verso il proprio obiettivo;
  • Rivendibilità: conoscere il proprio capitale professionale, unitamente alle tendenze di mercato, aiuta a maturate una maggiore consapevolezza sul proprio posto nel mercato del lavoro;
  • Soddisfazione: ai miglioramenti lavorativi seguono cambiamenti positivi;
  • Autostima: attraverso una reale consapevolezza del proprio potenziale si può proseguire con maggiore determinazione verso il futuro;
  • Tempo: occorre sapere spendere il proprio tempo in maniera adeguata nella ricerca di lavoro;
  • Opportunità: oltre alle opportunità che conosciamo, è necessario essere consapevoli del fatto che potrebbero esistere anche altre strade nel mercato del lavoro.

La consulenza di carriera può quindi essere considerata sia come un’attività di orientamento, sia come un’azione generatrice di cambiamenti individuali che possono coinvolgere diverse aree:

  • Stile comportamentale;
  • Convinzioni personali;
  • Gestione delle criticità;
  • Rapporti con il proprio ambiente.

Tuttavia, occorre comprendere che la parola ‘desiderio’ non può essere attribuita al termine ‘obiettivo’ proprio per la sua specificità.

Porsi un obiettivo significa avvertire la necessità di rispondere a un bisogno. In tal sensoè fondamentale capire se l’obiettivo è concreto e raggiungibile. Devono, quindi, essere analizzate quali siano le competenze da migliorare per raggiungerlo e se bisogna integrare la laurea con titoli come Master o Corsi di Perfezionamento.

Un altro aspetto significativo da non trascurare, è che tra career coach e il coachee, ovvero colui che viene guidato dal coach, si stringe un “patto” nel quale si definisce l’obiettivo da raggiungere, unitamente alle competenze sulle quali lavorare.

Il coachee deve essere consapevole del fatto che il risultato del percorso è legato molto al suo impegno e che il ruolo del coach è solo di supporto.

Incontra le nostre career coach

Attraverso una didattica incentrata su un modello formativo che consente agli allievi di apprendere velocemente ed in modo definitivo le competenze realmente richieste dal mondo del lavoro, Radar Business Academy si propone ai ragazzi con un’attività di career coaching, offrendo loro un orientamento mirato a definire e raggiungere gli obiettivi professionali.

In Radar Academy i docenti non sono professori universitari, ma manager provenienti dalle migliori aziende, il che significa avere gli strumenti necessari per sviluppare le proprie capacità comunicative e le soft skills, molto richieste in un mercato del lavoro sempre più esigente e competitivo.

Oltre ad un valido percorso di career coaching, è importante riflettere sugli aspetti che garantiscono un valore aggiunto sul mercato del lavoro.“I nostri laureati in Italia – afferma il Ceo Ernesto D’Amato  – alla fine del ciclo di studi, si accorgono di aver acquisito molte nozioni e poche abilità. I nostri master nascono appunto per colmare questo gap, fornendo loro meno nozioni e molte abilità. L’obiettivo è quello di ‘sbloccarli’, cioè di liberare finalmente il loro enorme potenziale, di cui in genere non sono consapevoli.”

Al termine del percorso in aula, gli allievi di ciascun Master hanno la possibilità di svolgere uno stage garantito in una delle prestigiose aziende partner di Radar Business Academy.

Autore: Angela Menna

 

Vuoi fissare un incontro con una delle nostre Career Coach per avere informazioni sul Master in Management delle Risorse Umane? Clicca sulla città di tuo interesse oppure scrivi a info@radar-academy.com

MILANOTORINOBOLOGNAVERONAROMANAPOLIPESCARABARI CATANIASALERNO

 

 

 

Menu